Immersio | 4 contenuti che è possibile inserire nella realtà virtuale

4 contenuti che è possibile inserire nella realtà virtuale

Ecco un flash dei principali contenuti che normalmente utilizziamo nelle esperienze in realtà virtuale:

  1. Foto 360°Foto 360 gradi
    Uno dei contenuti più semplici da creare. Teoricamente è possibile fare una foto 360 attraverso le cosiddette fotosphere create con gli smartphone ma se non è attenti si rischia di vedere il confine tra una foto e l’altra oppure lo stesso soggetto può essere presente in più punti della fotografia.
    Le fotocamere 360° evitano questo problema fotografando in un solo momento tutta la sfera dei soggetti attorno all’obiettivo (se non si sta attenti anche chi sta facendo la foto).
  2. Video 360°
    Fotocamere per video 360Analogamente alle foto 360 nel caso del video non è però disponibile la alternativa con lo smartphone e per questo negli ultimi anni diversi hanno architettato alcune strategie per riuscire a girare video 360 senza disporre di uno strumento ad hoc. Tipicamente venivano disposte alcune fotocamere in modo da inquadrare tutti i soggetti attorno al centro dove viene posto il cavalletto.
    La stessa facebook ha proposto Surround 360: un sistema di acquisizione video ad alta qualità che riprende questa modalità di utilizzo delle fotocamere
  3. Oggetti provenienti dal CAD o altri programmi di modellazione solida
    pezzo-meccanico-disegnatoMolto spesso le aziende non sanno che i propri disegni (nuovi prodotti, macchinari) possono diventare una miniera per creare una esperienza VR. Possiamo importare tutti i formati più comuni (DXF, è il principale ma anche IGES, STEP, DWG…) e da questi creare una esperienza VR di una macchina in movimento, di un prodotto. A differenza dei filmati e delle foto in questo caso è possibile far interagire l’utente con gli oggetti e contribuire a creare quella che chiamiamo VR storytelling
  4. Scansioni 3D di oggetti
    Scansione 3D MelaA volte è necessario utilizzare un modello 3D all’interno dell’esperienza ma non è possibile utilizzare i modelli originali (perché non esistono o comunque non disponibili). In questo caso è possibile utilizzare alcuni scanner 3d che creano l’oggetto digitale tridimensionale che verrà poi usato all’interno dell’esperienza. Ad esempio se volessimo usare una automobile e non vogliamo modellarla per intero possiamo effettuarne una scansione 3d e poi utilizzare il modello così ottenuto per i nostri scopi.

Una volta che sono disponibili gli oggetti all’interno dell’esperienza possiamo iniziare a combinarli in modo da creare lo storyboard dell’esperienza che abbiamo definito insieme al cliente.
E tu quale contenuto vorresti inserire all’interno di una esperienza in realtà virtuale?
Se vuoi saperne di più contattaci attraverso questa pagina.

Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.